Zampanella, ma anche Borlengo

Spesso accade che cibi prelibati siano nati per caso e in tempi di carestia. E’ il caso della zampanella che si dice nata per risparmiare la farina di cui è composta, fatta di una pastella sottile quasi impercettibile da cuocere in padella che permetteva di soddisfare le famiglie numerose di una volta.

Zampanella equilibrio fra: croccantezza, morbidezza, farcitura,

Oggi questa caratteristica mi intriga, infatti a differenza della Piadina che dopo che ne hai mangiata una sei pieno, quando tu mangi la zampanella una tira l’altra in un susseguirsi di emozione al palato che sale e scende come sulle montagne russe, dal morbido grasso del pesto modenese all’abbinata salame e scamorza, zola e pancetta per finire con quella alla nutella e mascarpone in un tripudio di sapori che giocano a rincorrersi. Ho assistito a “ripetute” fino a otto zampanelle diversamente farcite con i piatti che andavano a formare un grattacielo circolare che prende tutto il tavolo.

Con due bicchieri di vino filano giù lisce senza lasciare traccia in un piacere che vorresti non finisca mai.


Si dice Zampanella ma anche Borlengo. 

Farlo bene è una questione di equilibrio fra: croccantezza, morbidezza, farcitura, piegatura e cottura. Gli ingredienti sono acqua farina e sale per dare vita ad un insieme liquido dove alcuni aggiungono anche le uova, poi per la versione classica si spalma di pesto modenese cioè un trito di lardo, rosmarino e aglio.


Sono da Leo, Osteria in Montese provincia di Modena. Il locale è come se fosse un bar e ci sono le cose che ti aspetti in un posto come questo, per me è il contenuto che conta non l’involucro.  Leo, spartano e concreto, dalla simpatia seriosa, si trova vicino alle poste del paese. Serve tutti i clienti a velocità controllata con garbo non disdegnando la battuta sempre pronta, in cucina in due si dedicano alla preparazione ininterrotta di questa prelibatezza paesana.


Escono a raffica e i clienti si divertono a ordinarle sotto il suo attento consiglio.


La zampanella:

Una specie di piadina sottilissima leggera friabile, gustosa sembra di mangiare una nuvola dal ripieno vigoroso non ci si ferma più 3, 4, 5 e non vedi la fine ti sembra di essere in un sogno e hai paura di svegliarti.


©2020 Luca Scainelli


LA ZAMPANELLA

Via Tamburini, 34 Montese 41055 Modena

Lasciami un messaggio 

© 2020 by Errante del gusto